Varroa

In ogni ortofrutteto non devono mancare i preziosi insetti impollinatori che abitano e visitano costantemente il nostro ortofrutteto: tra questi le api sono tra i più attivi e importanti e quando non provengono da altri alveari nelle vicinanze, allora è il caso di allevarne uno sciame.
Qui si illustrano e discutono nuove tecniche di allevamento di apicoltura naturale (permapicoltura), scambi e suggerimenti vari.
User avatar
bruna
Posts: 70
Joined: 31/10/2012, 18:01
Skype: bruna.galvagni
Autoproduttore: SI
Autocostruttore: SI
MQ di terreno: 3000
Comune di residenza: Tenno (TN)
Tecnica colturale: Sinergica

Varroa

Post by bruna »

Buongiorno a tutti,
stamattina sono andata a controllare la vaschetta sotto la mia arnia per la solita pulizia e ho trovato in mezzo a polline e scarti vari dei piccoli scudi marrone.
Alcuni erano immobili altri si muovevano con delle zampette che sbucavano da sotto lo scudo.
Ho svuotato il tutto a terra e ripulito bene la vaschetta prima di riporla al suo posto.
Sono rientrata in casa e ho acceso il computer per controllare di che animaletti si tratta e così ho scoperto che è la temutissima Varroa.
Possiedo queste api solo dal 2 giugno di quest'anno e fino ad ora questo parassita non si era mai visto.
Qualcuno sa dirmi come mi devo comportare?
Grazie,
Bruna

User avatar
velapè
Posts: 136
Joined: 07/02/2013, 23:33
Autoproduttore: SI
Autocostruttore: SI
MQ di terreno: 80
Comune di residenza: Roma
Tecnica colturale: tutte quante

Re: Varroa

Post by velapè »

ciao Bruna,dovresti affidarti alle solite sostanze chimiche a base di timolo anche se è un pò tardi per il trattamento.
esistono di diverse marche, e in base a quello fai il trattamento seguendo le istruzioni.
sottoforma di striscie,oppure in tavolette ecc.ecc. le posizioni sopra i telaini e poi richiudi il tutto.
poi quando la famiglia è in assenza di covata puoi dare l'acido ossalico.(ma questa è una procedura scriteriata)
io sto sperimentando con una striscia di rame sul predellino d'atterraggio così gli ioni di rame darebbero fastidio alla varroa.
oppure con due calamite ai lati dell'arnia(ma sono sperimentazioni...)
prova a seguire il post sulle lay line e spostare l'arnia.
saluti
Last edited by velapè on 20/02/2015, 9:14, edited 1 time in total.

User avatar
bruna
Posts: 70
Joined: 31/10/2012, 18:01
Skype: bruna.galvagni
Autoproduttore: SI
Autocostruttore: SI
MQ di terreno: 3000
Comune di residenza: Tenno (TN)
Tecnica colturale: Sinergica

Re: Varroa

Post by bruna »

Ciao Velapè,
grazie per l'aiuto.
Anche il timolo è chimico?
Non c'è nessun prodotto naturale da usare con successo contro la varroa?
Al prossimo controllo se ne trovo ancora come mi devo comportare?
Ho il dubbio che se non uccido questi piccoli parassiti e li getto semplicemente a terra, potrebbero tornare nell'arnia.
Cosa mi dici in proposito?
Da quanto tempo stai sperimentando il rame e le calamite e come stanno le tue api, sono già state attaccate da questo parassita?
Ciao,
Bruna

User avatar
velapè
Posts: 136
Joined: 07/02/2013, 23:33
Autoproduttore: SI
Autocostruttore: SI
MQ di terreno: 80
Comune di residenza: Roma
Tecnica colturale: tutte quante

Re: Varroa

Post by velapè »

La varroa cade nel vassoio,metti della vaselina o altro per non farla risalire .
lo zinco utilizzato per i vassoi,coperchi,griglie x entrate è un grosso problema per le api,io ho tolto tutto lo zinco dalle mie arnie,che tralaltro sono anche troppo piccole per contenere una famiglia!!
e sto sperimentando il rame sul predellino dì atterraggio (per ora è presto per trarre risultati)
il timolo è un prodotto dell'industria chimica (è un estratto del timo) e le molecole che utilizzano come legante restano nei prodotti dell'alveare .....e comunque sei costretta a rifare i trattamenti con il problema del cambio di prodotto per via della resistenza allo stesso-
Io sto spostando le arnie sulle linee)
avevo trovato rimedi omeopatici per le api ma non ricordo dove,il metodo di Mathias Thunn contro la varroa è labosioso ma fattibile anche questo però non lo trovo(forse facendo una ricerca oppure nel suo libro)
nel post sulla progettazione dell'apiario ho scritto di mettere a dimora vicino alle casse piu possibile piante aromatiche(vedi timo,menta ecc.ecc.)danno molto fastidio alla varroa!
Last edited by velapè on 07/09/2015, 21:35, edited 1 time in total.

User avatar
bruna
Posts: 70
Joined: 31/10/2012, 18:01
Skype: bruna.galvagni
Autoproduttore: SI
Autocostruttore: SI
MQ di terreno: 3000
Comune di residenza: Tenno (TN)
Tecnica colturale: Sinergica

Re: Varroa

Post by bruna »

Stamattina ho ricontrollato la mia arnia e ho trovato 25 piccoli scudi di varroa.
Mi sembrano più piccoli dei primi che avevo visto e sono tutti morti, come mai?
Le api possono riuscire ad ucciderle?
Ho letto su internet che variando il ph delle api aggiungendo del limone al cibo (sciroppo di miele nel mio caso), queste risulteranno tossiche per la varroa.
Mi sembra interessante come rimedio,ma trovo strano che, se funziona, ad oggi non lo sappiano già tutti gli apicoltori!
In tutti i casi il limone è un ottimo antibiotico naturale e io avrei intenzione di provare........ al limite le aiuterà un po' rinforzando le loro difese.

User avatar
velapè
Posts: 136
Joined: 07/02/2013, 23:33
Autoproduttore: SI
Autocostruttore: SI
MQ di terreno: 80
Comune di residenza: Roma
Tecnica colturale: tutte quante

Re: Varroa

Post by velapè »

kk
Last edited by velapè on 14/06/2016, 18:44, edited 3 times in total.

Dhartisatra
Amministratore
Posts: 574
Joined: 16/12/2011, 19:00
Skype: alias_mimmo
Autoproduttore: SI
Autocostruttore: SI
MQ di terreno: 3500
Comune di residenza: San Giuliano Terme
Tecnica colturale: bio-naturale
Location: San Giuliano Terme (PI)
Contact:

Re: Varroa

Post by Dhartisatra »

bruna wrote:Stamattina ho ricontrollato la mia arnia e ho trovato 25 piccoli scudi di varroa.
Mi sembrano più piccoli dei primi che avevo visto e sono tutti morti, come mai?
Le api possono riuscire ad ucciderle?
Certo che possono e questo potrebbe anche rappresentare un segnale positivo, il segno cioé che la tua famiglia di api tende ad utilizzare spontaneamente la cura di sè ed il metodo della pulizia (vedi appresso "grooming" in "Meccanismi di difesa attiva delle api") eliminando sia forme adulte che quelle ancora immature di varroa (vedi in fig. 2); in ogni caso le api riescono a "spulciarsi" dagli acari e se non proprio li uccidono, quanto meno li feriscono gravemente. Un'altra parte di varroe adulte che ritrovi nel vassoio possono essere morte per "vecchiaia" oppure si ritrovano lì semplicemente per "caduta naturale" a causa del movimento delle api o precipitate nel mentre tentavano di trasferirsi da un ospite all'altro.

Non so, ma immagino, Bruna, che tu abbia un'arnia di tipo tradizionale, con fondo antivarroa, vale a dire con alla base un cassetto munito di rete con aperture di 3 mm che impedisce la discesa della api e sul cui fondo viene steso un foglio bianco cosparso di sostanza appiccicosa (ad es. vaselina filante) per impedire la risalita delle varroe cadute e ancora vive; questo cassetto serve sia per il monitoraggio del "grado di infestazione" dell'alveare (numero di varroe che si presume che infestino l'alveare), ma, come appena detto, serve anche a catturare le varroe semplicemente cadute o vittime del "grooming".

a) Valutazione infestazione da caduta naturale: media varroe cadute nel cassetto in 1 giorno x 100 = n. varroe presenti nell’alveare. In primavera/inizio estate >5 Varroe/giorno = grado di infestazione elevato;
b) Valutazione del grado di infestazione in celle da fuco: più di 3 celle infestate su 10 in primavera/inizio estate = grado di infestazione elevato.

Premesso che ritengo tutte le sperimentazioni di Velapé interessanti, da farsi e da approfondirsi, sono convinto anch'io, come lui e come tutti gli altri sostenitori dell'apicoltura naturale, che il parassita Varroa destructor, abbia preso tale sopravvento sulle api sia perché ha a che fare con api fortemente stressate dalla produzione intensiva di miele che gli viene continuamente e totalmente sottratto dall'apicoltore e sia per l'effetto selettivo dei trattamenti acaricidi (siano essi eseguiti con prodotti di sintesi o meno), i quali, in realtà, a lungo termine, finiscono per favorire solo la resistenza e la specializzazione delle varroe.

Prima di dire quali possono essere i criteri più razionali ed anche più ecologici per il controllo della varroatosi, dico subito che essa è una malattia propagatasi in Italia dal 1981 (quando se ne registrò il primo caso) e che è ormai presente in qualunque alveare dati anche i motivi precedentemente menzionati: si tratta pertanto di una malattia che non si può eradicare e con la quale bisogna convivere puntando il più possibile a far sviluppare, da parte delle stesse api selezionate in tal senso, forme di difesa naturale (resistenza/tolleranza) e, contemporaneamente, riducendo lo stress da "produzione intensiva" da parte dell'apicoltore "esigente" nei confronti delle povere api, con l'adozione, invece, di una apicoltura bio-naturale mediante l'utilizzo di arnie e motodologie più "soft e adeguate" come l'arnia verticale "Perone" e/o l'arnia orizzontale "KTBH" (Kenya Top Bar Hive).

Prima di continuare col discorso ed affrontare, per così dire i rimedi dal mio punto di vista e che ritengo più giusti ;) per il controllo della Varroatosi (o Varroasi), passo prima a descrivere un po' la malattia, per comprendere meglio di cosa si tratta.

L'acaro Varroa destructor non è un insetto ed appartiene alla classe degli Aracnidi, che è la stessa alla quale appartengono anche i ragni.

Gli individui dannosi risultano essere fondamentalmente le femmine che attaccano le api succhiandone l'emolinfa (azione sottrattiva) dopo averne lacerato il tegumento con delle minuscole lame dentate (azione meccanico-traumatica).
Tuttavia, contrariamente a quanto si possa pensare, il danno maggiore procurato alle api dalla varroa non è dato tanto dalla loro azione diretta, alla quale comunque ne consegue un forte indebilitamento dell'ape adulta con riduzione della crescita (dimensioni), delle capacità di lavoro, del tempo di vita (di circa il 50%) e della vitalità in generale, bensì dalle conseguenze cosiddette "indirette" a causa della trasmissione di malattie importanti quali batteriosi e virosi e che descrivo in seguito (vedi Azione patogena indiretta).

Image
Fig. 1 - Varroa (femmina adulta vista dorsalmente e ventralmente)


Image
Fig. 2 - Stadi di sviluppo di Varroa destructor (femmina)


Image
Fig. 3 - Femmine adulte di Varroa destructor mentre parassitizzano una pupa di ape


Image
Fig. 4 - Femmine adulte di Varroe destructor mentre parassitizzano api adulte


I maschi di Varroa, invece, sono più piccoli delle femmine (dimorfismo sessuale), circolari, biancastri e sono praticamente innocui perché non escono mai dalla cella di riproduzione dell'ape e vivono giusto il tempo per fecondare tutte le femmine mature (sorelle e figlie) della progenie di quell'adulto femmina che riesce ad insinuarsi nella cella di riproduzione prima dell'opercolatura; i maschi, dicevo, vivono per poco perché non sono in grado di nutrirsi dato che il loro apparato boccale, sprovvisto di organi per forare il tegumento dell'ape, ha una funzione essenzialmente riproduttiva.

Image
Fig. 5 - Maschio di Varroa destructor


Image
Fig. 6 - Varroa destructor in fase di accoppiamento

Detto questo va anche spiegato che esistono due fasi nel ciclo biologico di quest'acaro parassita:

1) una fase detta "Foretica" (dal greco phòresis = il portare, trasporto) In cui la varroa si aggrappa alle api adulte nutrendosi della loro emolinfa e trasferendosi da un'ape operaia all'altra per semplice contatto;

2) una fase detta "Riproduttiva" in cui la varroa si riproduce a spese della covata delle api: un giorno o due prima dell’opercolatura della covata, la varroa entra nella cella dove, ad opercolatura completata, avviene la sua riproduzione a spese della pupa di ape; da qui nascerà una progenie di varroe adulte (femmine) che usciranno dalla covata sul corpo dell'ape parassitizzata che sfarfalla.

Durante la fervida stagione apistica queste due fasi coesistono, mentre da fine autunno per il periodo invernale la fase riproduttiva della covata è assente e pertanto esiste solo la fase foretica in cui le varroe sono costrette a svernare sul corpo delle operaie, proteggendosi tra le lamine ventrali dei segmenti dell’addome.

Image
Fig. 7 . Svernamento della Varroa destructor

La maggior parte degli apicolttori approfittano di questo breve lasso di tempo per intervenire con la lotta all’acaro, che, trovandosi (per lo più) allo scoperto, non può sfuggire ai trattamenti, ma dico già fin da ora che, a mio modesto avviso, ciò è sbagliato per le ragioni che poi spiegherò in seguito, dopo avere mostrato più in dettaglio il Ciclo biologico della varroa.

Image
Fig. 8 - Ciclo biologico della Varroa destructor (Fase foretica + Fase riproduttiva)

Ovviamente la varroa preferisce riprodursi nelle celle dei maschi (fuchi) rispetto a quelle delle operaie, perché il ciclo di riproduzione dei fuchi è più lungo e quindi consente loro di avere più tempo per riprodursi fino allo sfarfallamento dell'ape adulta.

La femmina di varroa adulta riproduttrice deve entrare nella celletta di riproduzione prima che venga chiusa dalle api (opercolatura) ed in genere vi entra circa 12 ore prima.

Una varroa può deporre un massimo di 6 uova ogni 30 ore per ciclo riproduttivo; dal primo uovo (aploide) nascerà l’unico maschio della covata mentre dalle successive uova (diploidi) nasceranno solo femmine. Il maschio diventa già sessualmente maturo quando la prima femmina della progenie diventa adulta accoppiandosi subito con essa. Successivamente, il maschio si accoppia con le altre femmine sorelle via via che maturano sessualmente. Le femmine così fecondate sono già in grado di dare inizio ad un nuovo ciclo riproduttivo dopo un periodo di maturazione di almeno 5 giorni. Alla fine l'ape diventata anch'essa adulta a fine metamorfosi, sfarfalla dalla celletta con addosso attaccate diverse femmine di varroa adulte che sono diventate tali a sue spese e pertanto siamo già di fronte ad un'ape adulta seriamente compromessa a livello di salute. Questo è anche il primo motivo che rende secondaria la lotta alla varroa in fase foretica e più urgente e necessaria invece la lotta all'acaro in fase riproduttiva!

Meccanismi di difesa attiva delle api:
- Apertura e rimozione delle celle parassitizzate
- Spulciamento (grooming):
a) Self-grooming
b) Allo-grooming

Meccanismi di resistenza della Varroa:
- Mimetismo fisico (allineamento peli con quelli dell’ape)
- Mimetismo chimico (odore simile a quello dell’ape)

Azione patogena diretta (azione spoliatrice e traumatica)
- morte della covata
- riduzione dimensioni e peso dell’ape dal 7% al 25% (mini fuchi)
- riduzione durata di vita fino al 50%
- riduzione e disfunzioni ghiandolari

Azione patogena indiretta = trasmissione di:
- Batteri (Pseudomonas apiseptica; P. aeruginosa; Serratia marcescens; Hafnia alvei) E’ stato, invece, accertato che la V
non è in grado di trasmettere la peste americana
- Virus (DWV - virus delle ali deformate; APV – virus della paralisi acuta APV + DWV = forte accorciamento della vita dell’ape –collasso famiglie in inverno quando il rimpiazzo è scarso; CWV –cloudy wing virus; SPV – virus della paralisi lenta; CPV – virus della paralisi cronica) Sono la causa principale della mortalità
- Funghi (Ascosphaera apis – responsabile della “covata calcificata”) Il ruolo della V. non è chiaro, ma in presenza di acari l’incidenza della patologia è doppia immunodepressione riduzione del glicogeno dei muscoli del volo

Image
Fig. 9 - Ape con ali deformi a causa del virus DWV (virus delle ali deformate) trasmesso dalla Varroa destructor


Ora è possibile comprendere un'altra delle ragioni per cui, secondo me, è profondamente sbagliato combattere la Varroa durante la fase foretica: uccidendo le Varroe in fase foretica si interrompe quel meccanismo naturale di pressione selettiva esercitata dalla presenza del parassita e che rende possibile lo sviluppo di queste forme di resistenza da parte delle api parassitizzate: l'ape adulta non riesce a sviluppare bene quei comportamenti e quei meccanismi che in qualche modo contrastono la malattia mantenendola in limiti accettabili (tolleranza) tipo ad esempio l'attività di spulciamento e di pulizia detta più comunemente grooming.

La resistenza genetica alla malattia, che è poi il metodo di lotta più efficace in assoluto in quanto "naturale", punterebbe fondamentalmente alla selezione di famiglie di api, partendo dalla regina, in possesso delle seguenti caratteristiche:

1) api che abbreviano il tempo di opercolatura delle cellette rendendo più difficile l'insediamento dell'adulto di Varroa;
2) api capaci di individuare le celle infestate dalla Varroa e che provvedono alla apertura e rimozione delle pupe dalle celle parassitizzate;
3) api che presentino una spiccata attività di spulciamento (grooming) sia per se stesse (Self-grooming) che tra di loro (Allo-grooming);
4) api dotate dotate di una certa resistenza acquisita (immunità) alle principali virosi e batteriosi trasmesse dalla Varroa perché semplicemente sopravvissute ad esse.

Di conseguenza è più giusto ed auspicabile combattere la Varroa in fase riproduttiva, perchè, è proprio questo il momento in cui le api vengono fortemente indebolite dalla parassitizzazione dell'acaro che ne pregiudica fortemente il loro sviluppo durante le delicate fasi di metamorfosi: in definitiva un'ape adulta che nasce da una cella parassitizzata è già un'ape molto compromessa e pertanto è anche comprensibile che il trattamento in fase foretica non ne migliora più di tanto, in definitiva, il suo stato generale di salute!

Inoltre eseguendo i trattamenti contro la Varroasi in fase foretica, otteniamo, a lunga scadenza, esattamente l'effetto opposto inducendo e selezionando una resistenza nel parassita e ciò avviene quanto più il prodotto è efficace come per gli acaricidi di sintesi, ma avviene anche quando si usano semplicemente gli acidi organici (ossalico, formico, lattico e citrico): l'apicoltore crede di agire contro la malattia, ma in realtà, la sta favorendo ed è esattamente quello che accade anche nell'agricoltura convenzionale con la lotta chimica contro gli insetti dannosi e le erbacce!

Per ultimo bisogna anche considerare che i prodotti usati contro la varroa agiscono generalmente per contatto, ma abbiamo anche visto come in piena fase foretica di svernamento le Varroe riescono a rimpiattarsi tra le lamine ventrali dei segmenti dell’addome delle api riuscendo così ad evitare il contatto con queste sostanze.

Tutto ciò dimostra perché poi, il continuo e sistematico uso di questi prodotti rendono alquanto inefficace la lotta, con la produzione di un miele sempre più contaminato da queste sostanze.
LOTTA BIOLOGICA ALLA VARROATOSI
Praticare quanto più possibile una apicoltura bio-naturale da autoconsumo (cioé non finalizzata alla vendita del miele e quindi meno intensiva e meno esigente dal punto di vista produttivo), preferibilmente con arnie più confortevoli quali ad esempio l'arnia verticale "Perone" e/o l'arnia orizzontale "KTBH" (Kenya Top Bar Hive);

Uso del fondo con cassetto antivarroa associato magari all'uso di essenze naturali meno dannose quali ad esempio gli oli essenziali (canfora, eucaliptolo, mentolo, timolo) che sembrano avere solo un effetto di "stordimento" sulla varroa la quale tende così ad allentare la presa sull'ape e a precipitare nel cassetto antivarroa (caduta naturale); meglio ancora sarebbe, come suggeriva Velapè, collocare l'arnia in mezzo au un boschetto di menta, timo ed altre aromatiche simili e dall'effetto repellente per le Varroe ;)

Eliminazione della covata maschile. Con questo metodo si sfrutta lo spiccato tropismo della varroa (8 su 9) per la covata maschile essendo, come abbiamo visto, di periodo più lungo rispetto a quelle delle operaie. Occorre osservare i tre seguenti punti:
1) Effettuare l’asportazione delle celle da fuco in modo tempestivo (marzo);
2) Inserire i telaini da fuchi nelle immediate vicinanze del nido di covata per favorirne la rapida costituzione;
3) Il favo deve essere ritagliato prima dello farfallamento dei fuchi, altrimenti si favorisce la moltiplicazione della Varroa e rimuovere il telaino da fuchi dopo l’ultimo ritaglio.

N.B.:allo scopo di ridurre la popolazione delle Varroe normalmente in un alveare si provvede a distruggere sistematicamente le covate dei fuchi, anche perché questi maschi, avendo la ligula corta e non essendo perciò in grado di bottinare non producono miele e anzi lo consumano perché devono essere nutriti dalle operaie, la qual cosa è considerata una perdita economica per l'apicoltore professionista. In realtà ci si sta sempre di più rendendo conto che i fuchi, oltre alla funzione riproduttiva nel fecondare la regina, hanno certamente altre funzioni nell'alveare relativamente ad esempio alla trofallassi (lo scambio del nettare da un insetto all'altro) collaborando così nell'allevamento delle larve. In un'ottica quindi di apicoltura bio-naturale sarebbe auspicabile rivalutare il ruolo di queste api maschio, permettendo anche a loro di vivere e compiere il loro ciclo biologico magari provvedendo a sanare le loro covate dalla infestazione di varroa tramite "termoterapia" (vedi oltre) piuttosto che distruggerle ed essendo disposti a sacrificare parte del miele prodotto per il loro sostentamento :)

Telaino trappola: Telaino da nido senza armatura con 5 cm di foglio cereo nella parte superiore. Viene inserito alla ripresa primaverile in prossimità della zona di covata. Dopo 10/12 giorni si asporta la covata da fuco. L‘intervento termina quando all'interno della famiglia cessa l’allevamento dei maschi. Permette di eliminare fino al 75% delle varroe.

Telaino Campero (TIT3 - Telaino da nido Indicatore Trappola a 3 settori): É un telaino da nido diviso in tre settori verticali da due listarelle; dopo otto giorni si ritaglia la prima sezione di favo, dopo altri sette giorni si ritaglia la seconda porzione di favo che possiede già numerose celle di covata maschile. Alla terza settimana si taglia il terzo settore e così si entra nel ciclo di asportazione di covata maschile.

Spazio Mussi: sfrutta il fenomeno del grooming favorendolo; le api si staccano tra loro le varroe e le fanno cadere sul fondo dell’arnia (cassetto antivarroa). la distanza tra i due telaini laterali è normale e tra quelli al centro è maggiore, per un totale di 9 telaini nell’arnia. Da centro a centro di ciascun telaino intercorre la misura di 45 mm.
Svantaggi dello spazio Mussi:
a) formazione di ponti di cera tra telaino e telaino e tra telaino ed escludiregina;
b) la rottura di questi ponti comporta fuoriuscita di miele e reale pericolo di saccheggio per le famiglie più deboli;
c) i favi costruiti nelle arnie che adottano lo spazio Mussi non possono essere posti in altre arnie non modificate o nelle posizioni laterali delle arnie con spazio Mussi se non dopo aver asportato la cera eccedente con un coltello;
d) forti dubbi sull’efficacia del metodo.

Funghi entomopatogeni: è stato individuato dai ricercatori un fungo parassita delle varroe, il Metarhizium anisopliae che è un fungo cosmopolita, patogeno per più di 200 specie di insetti con assenza di patogenicità per le api. I relativi prodotti commerciali per ora realizzati si chiamano Bioblast® (USA) e Metaquino® (Brasile) ma non si trovano comunemente in commercio perché, evidentemente, esistono ancora vari problemi nell'efficacia di questo fungo, uno dei quali sembra essere la sua grande plasticità genetica, in seguito alla quale, già dopo un paio di generazioni sembra generare altri ceppi meno attivi nei confronti della varroa e perdendo così il suo forte potere parassitizzante...

Hirsutella thompsonii e spp.; Arthrobotrys oligospora; Verticillium leucanii; Beuveria bassiana etc.

Termoterapia (Ipertermia): I favi privati dalla api vengono posti in un cassone termico a 42-43 C° per 10-15 min almeno (qualcuno lo fa anche fino ad 1 h). Le varroe non sopravvivono a T° superiori a 40 C°. In questo modo si colpiscono solo le varroe in celle opercolate, per cui diventa secondario se non controproducente il trattamento sulle varroe in fase foretica. La temperatura deve essere controllabile molto bene con oscillazioni massime di +/- 1°C, per evitare danni alle larve e pupe delle api in metamorfosi che cominciano ad avvenire solo a temperature superiori ai 45°C.


Ho citato per ultimo il metodo della Termoterapia (da applicarsi in fase riproduttiva sulle covate una volta tolte le api adulte e in apposita camera termica) per evidenziarla dagli altri accorgimenti, in quanto lo ritengo, personalmente, il più importante di tutti per le ragioni che ho già spiegato: sono convinto che la Varroatosi si possa controllare bene adottando una nuova apicoltura bio-naturale più rispettosa della vita e del benessere delle api e adottando insieme tutti questi accorgimenti biologici, che alla fine dovrebbero anche farci evitare i trattamenti con gli acidi organici in fase foretica, che, come abbiamo visto, lasciano il tempo che trovano e ostacolano lo sviluppo di resistenza da parte delle api parassitizzate. Questo metodo (come anche descritto da uno dei suoi primi applicatori W. Engels dell'Instituto di zoologia dell'Università di Túbingen - Germania) non dovrebbe indurre sviluppo di resistenza nella varroa perché muoiono tutte senza alcun sopravvissuto. Data la sua efficacia si potrebbe essere tentati dall'usarlo sistematicamente ad ogni covata per eradicare la Varroatosi, ma ciò sarebbe ecologicamente sbagliato e praticamente impossibile: il metodo va adottato solo per il controllo della popolazione di Varroa in quei casi in cui le covate, una volta monitorate, risultano essere eccessivamente infestate; pertanto il metodo termico dell'ipertermia è ben applicato solo se serve a contenere la popolazione delle varroe, lasciando così che le api (nate a questo punto sane) siano in grado di sviluppare anche una loro resistenza naturale alla malattia in fase foretica contro le altre varroe che nel frattempo rimangono attive sugli adulti:<<In alternativa alla terapia chimica usuale, il metodo dell'ipertermia rappresenta il vantaggio di non lasciare alcun residuo; quindi i prodotti dell'alveare sono protetti da qualsiasi contaminazione. Inoltre non si ha il rischio di determinare una resistenza degli acari rispetto l'agente acaricida utilizzato, anche per la durata limitata dell'applicazione del calore che non potrà causare una pressione selettiva permanente. La procedura utilizzata presenta effetti negativi sulla colonia d'api di entità trascurabile. La mortalità della covata nei telaini trattati è stata inferiore al 5% (Engels, 1994). La durata in vita delle operaie (e dei fuchi) che sono nati dai telaini trattati con il calore non è stata per nulla influenzata. Le osservazioni hanno evidenziato che le operaie hanno percorso le tappe normali dell'evoluzione comportamentale caratteristiche delle loro età. Lo sviluppo delle colonie e le produzioni di miele fornite hanno dimostrato che l'ipertermia non ha prodotto alcun effetto negativo sulle api.(W. Engels Institut de zoologie Université de Túbingen - Germania) >>

Con questa lunga e spero non noiosa descrizione della Varroatosi (ringrazio te Bruna per avermi dato l'opportunità di parlarne e di esprimere la mia opinione in merito) mi auguro di trovare altre persone che la pensino come me e che procedano in tal senso e spero soprattutto che, da questa mia esposizione, emerga il fatto che il fine ultimo non è produrre il miele, bensì di "arricchire di vita" il nostro orto godendo anche della presenza delle api (le quali ci ricompenseranno con parte del loro miele e dei loro altri prodotti E NON SOLO) e perché no anche dei loro parassiti della varroa, che hanno pieno diritto ad esistere quanto loro (e quanto noi), ma in equilibrio con loro (e noialtri), senza lasciare che certe condizioni di disequilibrio, causate generalmente dall'uomo, possano far loro prendere il sopravvento compromettendo definitivamente la vita della famiglia di api e di conseguenza anche la loro stessa vita: del resto, com'è facile intuire, in natura questo non potrebbe verificarsi perché sono proprio i parassiti, in quanto tali, ad avere a cuore la sopravvivenza della specie dei propri ospiti e questo sarebbe anche il senso di una eventuale teoria evoluzionistica della natura, semmai ce ne dovesse essere una, ma dobbiamo anche ammettere che le api soccombono evidentemente non certo a causa della Varroa destructor e degli altri parassiti, ma forse perché a questi, più di tutti, si ne è aggiunto un altro molto peggiore e temibile che si chiama "uomo", che quando agisce per i suoi standard di alti livelli produttivi si comporta inevitabilmente da dominatore/distruttore/regolatore ponendosi, erroneamente, al di fuori e al di sopra del contesto in cui vive (in particolare mi riferisco all' apicoltura così come viene intesa comunemente con i suoi livelli produttivi ed i suoi trattamenti chimici di difesa).

Bisogna comprendere fino in fondo che le api, prima ancora che servire a noi per la produzione del miele, della cera, della pappa reale, della propoli, dell'ape terapia da puntura, ecc., hanno un ruolo essenziale nell'ecosistema vegetale delle angiosperme in quanto, con la loro attività di bottinamento dei fiori, inconsapevolmente, provvedono anche a fecondarli, essendo i più importanti insetti "pronubi" (= che favoriscono le nozze) e donandoci così quella bellissima e numerosissima varietà di piante (e quindi di frutti) che noi tutti ben conosciamo :D

Di seguito segnalo varie pagine per gli approfondimenti sull'autocostruzione di una scatola termica:

Trattamento termico antivarroa
Realizzazione di una scatola termica
Procedura di termotrattamento
L'efficacia del metodo Bio-Termico dell'IPERTERMIA contro la varroasi
Come in sessanta minuti termicamente soffoco le varroe nei favi di covata opercolata

Ciao, Domenico
"L'autoproduzione è l'unica maniera più sostenibile per poter vivere la nostra natura di consumatori" (Dhartisatra)

User avatar
velapè
Posts: 136
Joined: 07/02/2013, 23:33
Autoproduttore: SI
Autocostruttore: SI
MQ di terreno: 80
Comune di residenza: Roma
Tecnica colturale: tutte quante

Re: Varroa

Post by velapè »

la varroa preferisce riprodursi nelle celle dei maschi (fuchi) rispetto a quelle delle operaie, perché il ciclo di riproduzione dei fuchi è più lungo
e non solo... il fuco è legato alle forze terrestri come spiega Stainer nel suo fondamentale libro.
io vedo la varroa legata anch'essa al ciclo terrestre come essere, esiste in forma eterica, la recrudescenza è nel periodo di stoccaggio delle scorte ormai avvenute e cioè già in fermentazione.
avete mai pensato ai moscerini della frutta?perchè si sviluppano quando la frutta è andata a male?
non ci sono uova o insetti che le depositano eppure sono lì.
quando cè un processo di decomposizione/fermentazione cè un cambiamento vibrazionale che fa scattare il meccanismo tutto qui.( e così capiterebbe con tutti i tipi di processi di decomposizione/fermentazione(vedi stallatico ecc.ecc.)Per fare ricerche,
occorrerebbe cercare le varie frequenze con un sincrometro(vedi hulda Clark),dopodichè testare le frequenze bovis per agire a livello sottile,infine con l'ausilio della Radionica Russa si potrebbe agire di conseguenza,ma cè da studiare.... :geek:

User avatar
bruna
Posts: 70
Joined: 31/10/2012, 18:01
Skype: bruna.galvagni
Autoproduttore: SI
Autocostruttore: SI
MQ di terreno: 3000
Comune di residenza: Tenno (TN)
Tecnica colturale: Sinergica

Re: Varroa

Post by bruna »

Caro Mimmo,
finalmente una spiegazione completa ed esaustiva del problema!
Purtroppo l'ho letta solo oggi perchè, non so come mai, non mi è arrivato l'avviso della tua risposta.
Come ho già detto io sto allevando da poco le mie api in un'arnia tradizionale da 9 telaini e pensavo di tenerla fino a che non avrei preso confidenza e fatto una buona esperienza con le api durante tutti i loro passaggi di vita.
Poi valuterò le altre arnie.
Comunque il mio concetto di allevamento è quello di disturbare il meno possibile la famiglia e di recuperare del miele solo nel caso che ci sia una sovrabbondanza.
Altrimenti sono già felice di vedere le api svolazzare fra le mie colture e fare il loro dovere a mio vantaggio.....
Pensavo di aumentare le varietà di fiori melliferi nel terreno di casa e di allevare le essenze che disturbano la varroa intorno all'arnia.
Purtroppo, non avendo letto la tua risposta, mi sono fatta suggestionare da apicoltori tradizionali che mi hanno assicurato che la mia famiglia non avrebbe superato l'inverno senza nessun trattamento. Quindi presa dal panico e non trovando alternative valide, ho fatto il mio primo trattamento con acido ossalico il 16 dicembre scorso. Proprio perchè l'ignaro amico mi ha detto che la varroa si può combattere solo quando da adulta vive sul corpo delle api. Mi ha raccontato di aver esitato anche lui a lungo prima di ricorrere a dei rimedi ma che per questo ha perso tutte le sue api! Puoi capire che non avendo confronti mi sono fatta convincere...
Avevo trovato qualche accenno al fatto che la varroa muore sopra i 40° e lo avevo considerato molto interessante ma non sono riuscita a trovare le informazioni che mi hai dato tu.
Insomma, visto che dopo il primo trattamento ho trovato parecchie varroa morte nel vassoio (molte più di quelle che monitoravo) ho ripetuto il trattamento l'1 gennaio. Proprio oggi sono andata a controllare e la varroa morta ed è diminuita dall'altra volta.
Credo che interromperò questi trattamenti e mi organizzerò (anche se non sembra proprio semplice per una principiante) per il tempo della prima covata.
Per il momento ti ringrazio moltissimo e ti terrò aggiornato sui miei passi...
Un caro saluto,
Bruna

User avatar
velapè
Posts: 136
Joined: 07/02/2013, 23:33
Autoproduttore: SI
Autocostruttore: SI
MQ di terreno: 80
Comune di residenza: Roma
Tecnica colturale: tutte quante

Re: Varroa

Post by velapè »

ciao Bruna
Last edited by velapè on 14/06/2016, 18:45, edited 1 time in total.

Post Reply

Return to “APICOLTURA NATURALE”