NUOVA ESPERIENZA: SEMINA ALBERI DA FRUTTO

Le varie colture, ortive e frutticole, del nostro ortofrutteto, il calendario delle semine, le rotazioni, le consociazioni favorevoli, la gestione della siepe, ecc.

NUOVA ESPERIENZA: SEMINA ALBERI DA FRUTTO

Messaggioda Morris72 » 12/06/2012, 18:37

ciao a tutti. Mi sono presentato già nel forum "MI PRESENTO" (Morris72) una settimana fa circa e, come detto, ho intezione di piantare una quindicina di alberi (di cui 10 da frutto) partendo da zero, e vorrei riportare la mia esperienza.
Cosi 2 giorni fa ho iniziato la mia avventura e ho acquistato presso un buon vivaio l'occorente:
- un sottovaso in pvc dim.90 x 40 cm altezza cm 5;
- n. 25 vasi di torba diametro 10 cm con 4 fori alla base;
- n. 16 vasi di pvc diametro 6 cm con 4 fori alla base;
- 10 litri di torba;
- 10 litri di sabbia di fiume

Ho acquistato i frutti presso un contadino che vende frutta e verdura e che possiede un'azienza agraria familiare biologica vera, ed ho selezionato dei semi scegliendoli tra i migliori e precisamente 4 nespoli, 5 albicocchi, 14 ciliegi "ferrovia", 10 meli fuji, 2 limoni (che avevano già iniziato la germinazione nel frutto), sono anche riuscito a "rimediare" 2 talee di salice piangente e 4 talee di melograno (ornamentale). I vari noccioli li ho lavati bene (togliendo ogni residuo di polpa) e fatti asciugare per 48 ore. Poi li ho messi in acqua a temperatura ambiente per 24 ore.

In una bacinella ho messo la sabbia e la torba, miscelando bene il tutto ottenendo un composto omogeneo.
Ho riempito tutti i vasi (grandi e piccoli) con la miscela fino all'orlo e dando un paio di colpetti alla base ho compattato la terra.
Poi con una matita ho fatto un foro (della dimensione del seme) al centro di ogni vaso ed ho inserito i semi, coprendo con terra miscelata, ad una profondità di circa il doppio del diametro del seme. Le talee che precedentemente erano in acqua da circa 48 ore le ho inserite direttamente nella terra senza impiegare nessun ormone per radici. Infine ho messo tutti i vasetti nel sottovaso (90x40) ed ho messo acqua a temperatura ambiente all'interno per circa 3 cm in modo che ogni vaso assorba il liquido per capillarità. Ho sistemato il tutto sopra una mensola del mobile del salone molto vicino alla finestra ma non a contatto con i raggi del sole. La scelta di questo luogo è dovuta alla temperatura che in questo periodo varia tra 21 di notte a 24 °C di giorno per cui molto costante. Nelle prossime settimane vi aggiornero' dei risultati ottenuti.

Mi farebbe piacere che i frequentatori di questo Forum (iscritti e ospiti) mi dessero dei consigli o anche criticassero in maniera costruttiva il mio operato, in particolar modo un esperto come Domenico.
Rimango in attesa.. grazie. :geek:

Maurizio
Ultima modifica di Morris72 il 20/06/2012, 20:34, modificato 2 volte in totale.
"Ogni cosa che puoi immaginare, la Natura l'ha già inventata"(Albert Einstein)
Avatar utente
Morris72
 
Messaggi: 77
Iscritto il: 03/06/2012, 7:03
Località: La Gogna (fraz. Comune di Aprlia) Prov. Latina

Re: NUOVA ESPERIENZA: SEMINA ALBERI DA FRUTTO

Messaggioda Fra » 19/06/2012, 16:42

Ciao Maurizio,
sono nuovo del Forum ma mi permetto di darti la mia opinione...
ho paura che alcuni dei semi che hai messo germineranno tra un po di tempo soprattutto se non sono stati conservati a lungo
da quel che so spesso i semi di albero hanno bisogno di un periodo di freddo (vernalizazione) per fare si che alcuni inibitori della crescita vengano degradati...
in natura i semi che cadono a terra ora rinascerebbero direttamente in primavera...
spero di essere smentito :D
facci sapere
Fra

Psmi hanno detto che come vasi si possono usare anche bottiglie di plastica tagliate sotto e sopra con sotto un pezzo di tela per non far uscire la terra in modo che il fittone della radice principale possa approfondirsi tranquillamente...
Fra
 

Re: NUOVA ESPERIENZA: SEMINA ALBERI DA FRUTTO

Messaggioda alias_mimmo » 19/06/2012, 20:47

Ciao Maurizio,
hai fatto un buon lavoro per la semina, tuttavia è' vero quanto dice Fra riguardo al fatto che alcuni semi "potrebbero" non germinare...ma dico "potrebbero", perché lasciandoli in acqua per 24 h hai in qualche modo cercato di interrompere la "quiescenza" almeno a quelli con tegumento sottile, anche se per interrompere la vera e propria "dormienza" ci vuole il periodo necessario di freddo o la pratica della "stratificazione".
Riguardo all'argomento, ho inserito un nuovo post intitolato "La dormienza nelle piante e nei semi", dove ho cercato di spiegare un po' il fenomeno.
Se devo fare una critica alla tua semina la faccio solo sui tempi non esattamente concordanti con quelli naturali, perché le piantine si ritroveranno a dover trascorrere il loro primo inverno un po' più piccole di quanto avrebbero potuto essere :?
Comunque non ti preoccupare e se vedi che qualche seme non germina allora potrai fare la "stratificazione" su altri semi anche se io ti suggerirei, in questo eventuale caso, di tenere direttamente il vaso all'esterno per tutto l'inverno ;)
Comunque un 10 e lode per aver scelto di produrre piante da frutto direttamente da seme, che trattandosi già di varietà buone da mangiare, fossi in te, in futuro, non le innesterei neanche! :D
Domenico.
"L'autoproduzione è l'unica maniera sostenibile per poter vivere la nostra natura di consumatori" (alias mimmo)
Avatar utente
alias_mimmo
Amministratore
 
Messaggi: 380
Iscritto il: 16/12/2011, 19:00
Località: San Giuliano Terme (PI)

Re: NUOVA ESPERIENZA: SEMINA ALBERI DA FRUTTO

Messaggioda alias_mimmo » 20/06/2012, 7:35

Fra ha scritto:Psmi hanno detto che come vasi si possono usare anche bottiglie di plastica tagliate sotto e sopra con sotto un pezzo di tela per non far uscire la terra in modo che il fittone della radice principale possa approfondirsi tranquillamente...

Interessante Fra questo uso delle bottiglie come vaso, ma penso che per le piante da frutto il sistema non abbia molto senso, perché trattandosi di piante arboree, facendo germinare un seme in un vaso a bottiglia che poi approfondisce il fittone nel terreno alla fine perdiamo il principale vantaggio del vaso che fondamentalmente è quello di poterlo spostare, mentre se lo lasciamo permanentemente in un posto, abbiamo invece una pianta con colletto alto, troppo fuori terra...e una volta spaccata la bottiglia si sarebbe costretti a rincalzare con altra terra...non credi?
Anche io, dopo le bottiglie semenzaio, sto ora sperimentando vasi con le bottiglie in plastica, ma sono ancora agli inizi, anche se la cosa, per ora, procede abbastanza bene.
"L'autoproduzione è l'unica maniera sostenibile per poter vivere la nostra natura di consumatori" (alias mimmo)
Avatar utente
alias_mimmo
Amministratore
 
Messaggi: 380
Iscritto il: 16/12/2011, 19:00
Località: San Giuliano Terme (PI)

Re: NUOVA ESPERIENZA: SEMINA ALBERI DA FRUTTO

Messaggioda Morris72 » 20/06/2012, 13:55

Fra ha scritto:Ciao Maurizio,
sono nuovo del Forum ma mi permetto di darti la mia opinione...
ho paura che .............facci sapere
Fra

Psmi hanno detto che come vasi si possono usare anche bottiglie di plastica tagliate sotto e sopra con sotto un pezzo di tela per non far uscire la terra in modo che il fittone della radice principale possa approfondirsi tranquillamente...


"Permettiti pure", non ce problema, a me fa piacere condividere le esperienze, anzi approfitto per dire che: credo che lo spirito di questi interessanti forum sia proprio questo, e cioè condividere le proprie esperienze per migliorarsi e ottenere sempre migliori risultati. ;)
Grazie dei consigli. Pensavo che solo il nocciolo del pesco dovesse fare la vernalizazione, ma sbagliavo. :oops:
Vediamo che succede nelle prossime settimane.... vi tengo aggiornati. :mrgreen:

Per quanto riguarda i vasi con le bottiglie...bhè, a me la plastica non piace molto ma comprendo che è una soluzione pratica ed economica, almeno per alcuni tipi di piante. :cry:
"Ogni cosa che puoi immaginare, la Natura l'ha già inventata"(Albert Einstein)
Avatar utente
Morris72
 
Messaggi: 77
Iscritto il: 03/06/2012, 7:03
Località: La Gogna (fraz. Comune di Aprlia) Prov. Latina

Re: NUOVA ESPERIENZA: SEMINA ALBERI DA FRUTTO

Messaggioda Morris72 » 20/06/2012, 14:12

alias_mimmo ha scritto:Ciao Maurizio,
hai fatto un buon lavoro per la semina, tuttavia ............fossi in te, in futuro, non le innesterei neanche! :D
Domenico.


Ora è tutto più chiaro !! Ho letto con attenzione "La dormienza nelle piante e nei semi" adesso comprendo quanto sia perfetta la Natura (milioni di anni di cambiamenti, metamorfosi, adattamenti, etc). :D
Quando ho letto la tua risposta ho fatto un piccolo sobbalzo :o sulla sedia dovuto all'errore "grossolano" da me commesso, piantando i noccioli nel mese errato (l'11 giugno per essere precisi). Preso dall'euforia del terreno agricolo, degli alberi da frutto, etc mi è "sfuggito" questo particolare dettaglio, non trascurabile.

A questo punto attendo ancora qualche settimana o meglio un mese dopodichè tolgo i semi dalla terra gli do una pulitina e li metto in frigorifero fino a metà febbraio del prossimo anno. Oppure come mi consigli, metto tutti i vasi all'esterno e gli faccio passare il prossimo inverno al fredo e al gelo. :cry:
Grazie della lode (non me l'aveva data mai nessuno). Vorrà dire che rinviero' tutto al prossimo anno. :mrgreen:
"Ogni cosa che puoi immaginare, la Natura l'ha già inventata"(Albert Einstein)
Avatar utente
Morris72
 
Messaggi: 77
Iscritto il: 03/06/2012, 7:03
Località: La Gogna (fraz. Comune di Aprlia) Prov. Latina

Re: NUOVA ESPERIENZA: SEMINA ALBERI DA FRUTTO

Messaggioda Morris72 » 20/06/2012, 14:22

Aggiornamento 1:
a 9 giorni dalla semina risulta quanto segue. Nei vasi dove sono stati messi i noccioli dei frutti..... Niente!! nemmeno le nespole che dicono che sono piante facili ad attecchire (nemmeno i semini di limone che erano già germinati con piccola radice e "gemma" verde sul lato opposto del seme). :cry:
Le talee del melograno...due secche (stecchite) una un po moscia e la quarta sembra in buone condizioni. :cry:
Le talee di Salix (salice piangente) SIIIIIIIIIIIIII !! hanno attecchito bene (per ora) entrambe stanno sviluppando foglie in prossimità dei "nodi", e in particolare due foglioline ben sviluppate in prossimità della base. A questo punto che faccio ?? continuo ad innaffiare e poi? quando le travaso? devo concimare? (almeno il salix mi da qualche soddisfazione). :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:
Attendo numerosi consigli....Vi tengo aggiornati.
"Ogni cosa che puoi immaginare, la Natura l'ha già inventata"(Albert Einstein)
Avatar utente
Morris72
 
Messaggi: 77
Iscritto il: 03/06/2012, 7:03
Località: La Gogna (fraz. Comune di Aprlia) Prov. Latina

Re: NUOVA ESPERIENZA: SEMINA ALBERI DA FRUTTO

Messaggioda SpecialKeta » 02/07/2012, 12:47

Ciao Morris, piacere di conoscerti.
partendo dal presupposto che non vi conosco e che non so quanto siate esperti più di me in fatto di coltivazione, mi permetto di esprimere le riflessioni che ho fatto mentre leggevo il tuo post.
1) quando devi seminare qcs con tempi di germinazione lunghi ti conviene utilizzare, mista al terriccio, delle vermiculite che ti mantiene di più l'acqua e non rischi che il terriccio si secchi col rischio di dover poi buttare il seme; suggerisco inoltre di coprire il vaso con della pellicola trasparente in modo che limiti l'evaporazione e, se metti un po' alla luce del sole, ti alza la temperatura del terriccio (ma questo dipende da cosa devi far germinare). Se non hai bisogno di temperature alte allora puoi toglierla dalla luce tanto per la germinazione non ce n'è alcun bisogno.
2) per la propagazione degli alberi da frutto, generalmente, la messa a dimora delle piante nata da seme non è la cosa più indicata; le piante così nate sono più soggette a malattie e la produzione è spesso molto scarsa (anzi per rimediare alle debolezze di una pianta non sana magari sei costretto a ricorrere a tutto ciò che cerchiamo di evitare...). D'accordo che chi ti ha dato i semi produce buona frutta ma sei sicuro che non abbia piante innestate? da quello che ne so io una delle piante con questo problema è proprio il limone... Quindi a meno che non abbia la certezza di avere delle varietà resistenti io ti consiglio di prendere in considerazione di scegliere delle marze dalle piante che nasceranno e di innestarle su dei portainnesti idonei (perché a questo punto non procurarsi anche i semi dei portainnesti? ;) ), sennò rischi di scoprire tra qualche anno che hai piante non utili al fine desiderato.
Spero in qualche modo di averti almeno dato un minimo aiuto!
ciaoooooo
SpecialKeta
 

Re: NUOVA ESPERIENZA: SEMINA ALBERI DA FRUTTO

Messaggioda Morris72 » 06/07/2012, 6:54

In primo luogo grazie dei consigli a tutti.

Aggiornamento 2:
a 25 giorni dalla semina risulta quanto segue:
Nei vasi ove sono stati inseriti i noccioli .... nessuna novità. Nemmeno i limoni. :? :?:
Le talee del melograno: sono morte tutte e quattro. Nessuna delle quattro aveva sviluppato apparato radicale.
Le due talee di Salix (salice piangente) continuano a crescere foglioline (anche se ho notato un drastico rallentamento). Vorrei avere dei consigli:
1) Pensate che debba mettere i vasi all'esterno? All'ombra o penombra? :roll:
2) Devo dargli un concime liquido diluito (ho letto su internet di diluire un concime liquido per piante verdi 1 a 10 e di somministrarlo ogni 15 gg) ?? che ne pensate? :roll:

Ho notato che l'acqua somministrata è ricchissima di calcio (Comune di Roma durezza altissima)
Ecco le caratteristiche: (pH: 7,5 - Conducibilità elettrica µS/cm a 20 °C: 546 - Solfati mg/l SO4: 15 - Calcio mg/l Ca: 98 - Durezza °F 32 - Residuo fisso mg/l: 390)
Infatti sia sulla superficie del sottovaso che sulla superficie della terra dei vasi si è creato una "crosticina" che sicuramente non ha aiutato la germinazione. Pertanto ho deciso che le future innaffiature saranno effettuate con acqua "diversa" povera di sali (addirittura ho letto che per la germinazione dei semi è indicato utilizzare acqua distillata. che ne pensate?). :idea:

Come consigliato da Domenico, ho preso la decisione, a fine estate, di mettere tutti i vasi all'esterno per tutto l'inverno ed aspettare che la natura faccia il suo corso. Vediamo a Primavera 2013 che succede. :mrgreen:
A presto.
"Ogni cosa che puoi immaginare, la Natura l'ha già inventata"(Albert Einstein)
Avatar utente
Morris72
 
Messaggi: 77
Iscritto il: 03/06/2012, 7:03
Località: La Gogna (fraz. Comune di Aprlia) Prov. Latina

Re: NUOVA ESPERIENZA: SEMINA ALBERI DA FRUTTO

Messaggioda alias_mimmo » 07/07/2012, 10:40

Morris72 ha scritto:Nei vasi ove sono stati inseriti i noccioli .... nessuna novità. Nemmeno i limoni. :? :?:

Io non dispererei e aspetterei ancora, perché almeno per quei semi ai quali è stata interrotta la dormienza grazie al lavaggio, gli embrioni avranno bisogno di un po' di tempo per poter sviluppare quella forza necessaria alla rottura del tegumento prima di emergere.

Le talee del melograno: sono morte tutte e quattro. Nessuna delle quattro aveva sviluppato apparato radicale.
Le due talee di Salix (salice piangente) continuano a crescere foglioline (anche se ho notato un drastico rallentamento).

Anche qui c'è stato un errore sui tempi giusti per il taleaggio: le talee di melograno è preferibile eseguirle del tipo "legnoso" (cioé ramo senza foglie ma solo con gemme) in autunno interrando la talea per circa la metà. Conviene eseguire prima uno spacco di qualche centimetro alla base della talea, inserendovi una piccola pietra tra le due parti per tenerle divaricate: ciò serve per sostituire il trattamento con l'ormone radicante, perché la pianta stessa (vale a dire il ramo) trasloca l'ormone della crescita nel luogo della ferita (spacco) nel tentativo di rimarginarla e siccome quest'ultima si trova sotto terra, allora, durante questa attività di riparazione dei tessuti, viene contemporaneamente stimolata la crescita delle radici.
Le talee erbacee sono invece eseguite in primavera da rami terminali verdi provvisti di foglie: anch'esse si interrano per circa la metà, col solito sistema dello spacco basale e solo dopo avere tolto le foglie nel tratto che viene interrato, facendo attenzione a non danneggiare le gemme ascellari; nel tratto che rimane esterno invece si lasciano solo poche foglie perché esse competono con l'emissione delle radici, però qualcuna bisogna lasciarla perché si possa avviare la fotosintesi.
Vorrei avere dei consigli:
1) Pensate che debba mettere i vasi all'esterno? All'ombra o penombra? :roll:
2) Devo dargli un concime liquido diluito (ho letto su internet di diluire un concime liquido per piante verdi 1 a 10 e di somministrarlo ogni 15 gg) ?? che ne pensate? :roll:

Appena fatte le talee vanne tenute costantemente all'umido e all'ombra e solo dopo qualche tempo che si vede che non è seccata perché ha cominciato a sviluppare le radici, si mette progressivamente, prima a mezz'ombra e poi alla luce diretta del sole quando ha già emesso qualche fogliolina (ma dipende anche dal tipo di pianta).
Per quanto riguarda l'uso di fertilizzante io sono contro per principio all'uso di fertilizzanti e concimi minerali perché nutrono direttamente la pianta: bisogna invece nutrire il suolo con fertilizzanti organici in modo da migliorare la fertilità microbiologica e far sì che la pianta poi si nutra di quella quota (circa 2% annua) di elementi fertilizzanti che si liberano naturalmente dal processo di mineralizzazione della sostanza organica operata dai microbi decompositori del suolo (funghi e batteri) nonché di invertebrati (vermi).
Ho notato che l'acqua somministrata è ricchissima di calcio (Comune di Roma durezza altissima)
Ecco le caratteristiche: (pH: 7,5 - Conducibilità elettrica µS/cm a 20 °C: 546 - Solfati mg/l SO4: 15 - Calcio mg/l Ca: 98 - Durezza °F 32 - Residuo fisso mg/l: 390)
Infatti sia sulla superficie del sottovaso che sulla superficie della terra dei vasi si è creato una "crosticina" che sicuramente non ha aiutato la germinazione. Pertanto ho deciso che le future innaffiature saranno effettuate con acqua "diversa" povera di sali (addirittura ho letto che per la germinazione dei semi è indicato utilizzare acqua distillata. che ne pensate?). :idea:

E' vero: l'alta salinità dell'acqua induce a pH elevato e non permette alla pianta l'assorbimento di alcuni elementi necessari per la crescita, motivo per cui sarebbe buona regola irrigare con acqua piovana raccolta appositamente, o acqua del pozzo o acqua distillata (demineralizzata); in quest'ultimo caso, visto che costa comprarla, si può usare l'acqua di scarico del condizionatore o dalla pompa di calore, che è la stessa cosa.
Come consigliato da Domenico, ho preso la decisione, a fine estate, di mettere tutti i vasi all'esterno per tutto l'inverno ed aspettare che la natura faccia il suo corso. Vediamo a Primavera 2013 che succede. :mrgreen:

Nel fare ciò, eventualmente, ti suggerisco anche di disotterrare i semi con rivestimento legnoso (albicocco e ciliegio) e tramite lo schiaccianoci di "incrinarli" soltanto (non c'è bisogno di togliere il guscio) schiacciandoli pian piano fino a sentire solo il" crack" della spaccatura del guscio, in modo da permettere, una volta risotterrati, l'ingresso dell'acqua all'interno del nocciolo.
Ciao. Domenico.
"L'autoproduzione è l'unica maniera sostenibile per poter vivere la nostra natura di consumatori" (alias mimmo)
Avatar utente
alias_mimmo
Amministratore
 
Messaggi: 380
Iscritto il: 16/12/2011, 19:00
Località: San Giuliano Terme (PI)

Prossimo

Torna a COLTURE

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti